D.L. Covid 19 - 22 luglio 2021

🟢 Prime indicazioni sulla bozza D.L. COVID 19 oggetto della conferenza stampa del Presidente del Consiglio Draghi del 22 luglio 2021, in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

 

In estrema sintesi il provvedimento è costituito da 3 pilastri:

1️⃣ la proroga dello stato d’emergenza fino al 31 dicembre 2021

2️⃣ la modifica dei parametri per la collocazione delle Regioni e delle Province autonome nei diversi scenari di rischio, dando maggiore valenza al tasso di ospedalizzazione

3️⃣ l’estensione dell’utilizzo del c.d. “green pass”, quale condizione per accedere a determinati servizi e attività

 

In ordine a quest’ultimo tema si fa presente che il green pass si ottiene:

✅ con l’avvenuta vaccinazione, la certificazione è rilasciata a far data:

- dal completamento del ciclo vaccinale

- dal 15° giorno della somministrazione della prima dose di vaccino fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale

- validità dal 15° giorno successivo all’unica dose di vaccino richiesta a chi ha avuto una precedente infezione da SARS-COV2

✅ la guarigione dal SARS-CoV-2 (cessazione dell’isolamento prescritto, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti dal Ministero della Salute)

✅ l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus SARS CoV-2 con validità di 48 ore dalla sua esecuzione

 

🟢 A partire dal prossimo 6 agosto, occorrerà esser muniti di una certificazione verde per accedere a:

◾️ servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per il consumo al tavolo, al chiuso. Dunque, la disposizione non si applica per la somministrazione all’aperto, né per il consumo al bancone al chiuso (es. caffè al bar ecc.)

◾️ spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportive

◾️ musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre

◾️ piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso

◾️ sagre e fiere, convegni e congressi

◾️ centri termali, parchi tematici e di divertimento

◾️ centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione

◾️ attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò

◾️ concorsi pubblici

 

➡️👰🤵 è bene ricordare che rimane ferma anche la disposizione che impone già oggi il possesso del green pass per l’accesso alle feste conseguenti a cerimonie civili e religiose

 

➡️👧 l’obbligo non si applica ai soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale (al momento i bambini con età inferiore ai 12 anni), e a quelli esenti sulla base di idonea certificazione medica

 

➡️ I titolari o i gestori dei servizi e delle attività sopra indicati (o loro delegati con atto formale) sono tenuti a verificare il possesso di tale certificazione, secondo le modalità indicate con il DPCM dello scorso 17 giugno, quindi attraverso l’App Verifica19

 

⚠️ I trasgressori che non rispettano tale prescrizione rischiano una sanzione:

◾️ amministrativa pecuniaria da 400 a 1.000 euro;

◾️ (per i soli esercizi) la sanzione accessoria della chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni;

◾️ a decorrere dalla terza violazione, in tre giornate diverse, dell’obbligo di verifica da parte dell’operatore, si applica la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’esercizio o dell’attività da 1 a 10 giorni;

◾️ permane, altresì, l’astratta configurabilità di gravi ipotesi di reato, come i delitti colposi contro la salute pubblica

 

❌💃 restano sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati

 

In allegato è disponibile la bozza del Decreto Legge Covid 19 - 22 luglio 2021.

D.L. Covid 19 - 22 luglio 2021